• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Disciplina "uno contro uno" – D.M. 65/2010

Ai sensi del D.Lgs. 151/2005 distributori e negozianti hanno l’obbligo di assicurare, al momento della vendita di una nuova apparecchiatura elettrica ed elettronica, destinata ad un nucleo domestico, il ritiro gratuito dell’apparecchiatura usata, in ragione di uno contro uno (a fronte, cioè, dell’acquisto di un nuovo prodotto analogo).

Tale obbligo è in vigore dal 18 giugno 2010, in virtù del D.M. 65/2010 che ha introdotto le semplificazioni per la gestione dei RAEE da parte dei distributori.

Le semplificazioni prevedono, in sostanza:
a) il raggruppamento dei RAEE presso il punto di vendita del distributore o presso altro luogo idoneo, non accessibile a terzi e pavimentato;

  • i RAEE devono essere protetti dalle acque meteoriche e dall'azione del vento e raggruppati separando i RAEE pericolosi da quelli non pericolosi.
  • I RAEE devono essere trasportati presso i Centri di raccolta con cadenza mensile e, comunque, quando il quantitativo raggruppato raggiunga complessivamente i 3500 Kg.

b) I distributori che effettuano il raggruppamento adempiono all'obbligo di compilazione, all'atto del ritiro, di uno schedario numerato progressivamente, conforme al modello di cui all'Allegato I D.M. 65/2010, dal quale risultino il nominativo e l'indirizzo del consumatore che conferisce il rifiuto e la tipologia dello stesso.
Tale schedario dovrà essere conservato per tre anni dalla data dell'ultima registrazione.

c) Il trasporto è accompagnato da un documento di trasporto conforme al modello di cui all'Allegato II del citato D.M. 65/2010, numerato e redatto in tre esemplari che non richiede alcuna vidimazione (una copia al trasportatore, una al cliente, una al distributore, se diverso dal trasportatore).

d) Le attività di raccolta e trasporto dei RAEE domestici sono effettuate previa iscrizione in un'apposita sezione dell'Albo Gestori Ambientali, che per la Lombardia ha sede presso la Camera di Commercio di Milano.

Scarica il file: D.M. 08-03-2010 n.65


 
Richieste e segnalazioni