• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Smog: da domani 3 gennaio attive le misure temporanee primo livello.

Milano, Monza, Cremona, Pavia, Bergamo e Como le province lombarde coinvolte

Scattano domani, venerdì 3 gennaio, le misure temporanee di 1 livello stabilite dal "Protocollo regionale sulla qualità dell'aria" siglato da Regione Lombardia, ARPA e Anci, e a cui Milano aderisce e che interessano anche le province di: Monza, Cremona, Pavia, Bergamo e Como.

Le misure temporanee di primo livello riguardano:

  • il traffico (limitazioni per i veicoli fino a Euro 3 e 4 diesel in ambito urbano, obbligo di spegnimento motori in sosta)
  • divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 3 stelle;
  • divieto assoluto, per qualsiasi tipologia (falo' rituali, barbecue e fuochi d'artificio, scopo intrattenimento, etc...), di combustioni all'aperto anche relativamente alle deroghe consentite rappresentate dai piccoli cumuli di residui agricoli e forestali bruciati in loco;
  • introduzione del limite a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali
  • adozione di accorgimenti mirati al contenimento delle emissioni inquinanti in atmosfera (chiusura delle porte degli esercizi commerciali)

I dati sulla qualitá dell'aria verranno esaminati ogni giorno e verrá  data comunicazione in maniera tempestiva circa la cessazione delle limitazioni temporanee di 1 livello. Come previsto dalle dd.G.R. n. 7095 del 18 settembre 2017 e n. 712 del 30 ottobre 2018, qualora si registrassero un valore al di sotto della soglia unito a previsioni metereologiche con condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti oppure valori al di sotto della soglia per due giorni consecutivi si potrá procedere con la disattivazione delle misure adottate.

 

02/01/20
Categoria: Area media

Tipologia: Scenario nazionale