• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

Musei civici e mostre a Milano: info utili con la riapertura e programma per l’estate

Con il passaggio della Lombardia in zona gialla, riaprono a Milano i musei civici e  le mostre allestite negli spazi espositivi.

Le disposizioni vigenti consentono, infatti,  la riapertura di musei e sedi espositive durante tutta la settimana, con obbligo di prenotazione solo il sabato e nei giorni festivi. Nei giorni feriali, dal martedì al venerdì (lunedì è il giorno settimanale di chiusura), tutte le sedi restano aperte con ingresso libero, compatibilmente con il contingentamento imposto dai protocolli di sicurezza, ma con prenotazione fortemente consigliata (in modo da evitare attese e garantirsi l’ingresso nelle sale). L’orario di apertura di tutte le sedi è sempre a partire dalle ore 10

 

Musei civici

E’ possibile visitare o riscoprire le collezioni permanenti di tutti i musei civici: Castello Sforzesco, Acquario Civico, GAM|Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Moriggia|Museo del Risorgimento, Palazzo Morando|Costume Moda Immagine, Museo Archeologico, Casa Museo Boschi Di Stefano, Studio Museo Francesco Messina.

Il Museo del Novecento, si presenta al pubblico con il completo riallestimento dei due piani dell’Arengario dedicati all’arte italiana degli anni ’20-’50 mentre il Museo di Storia Naturale espone la propria collezione di mineralogia in una nuova grande sala, completamente riallestita, al piano terra del Museo.

Il Planetario riapre l’8 maggio, mentre la Collezione Permanente del MUDEC resta chiusa al pubblico per i lavori di riallestimento del percorso museale (iniziati a febbraio): un progetto curato dal Comitato Scientifico del Museo che sarà svelato al pubblico il prossimo 16 settembre.

I musei civici sono aperti dalle 10 alle 17.30 con orario continuato (tranne il Museo del Novecento che osserva l’orario 10-19.30). Prenotazioni qui.

 

Le mostre sospese

Riaperte a Palazzo Reale due grandi mostre sospese a causa dell’ultimo lockdown e dedicate a “I Talenti delle Donne”: “Divine e Avanguardie. Le donne nell’arte russa”, in programma fino al 12 settembre, e “Prima, donna. Margaret-Bourke White”, fino al 29 agosto.

Al PAC riprende l’esposizione (aperta fino al 19 settembre) dedicata a Luisa Lambri dal titolo “Autoritratto” che il pubblico ha potuto vedere per due sole settimane durante il mese di febbraio. Così come due settimane era rimasta aperta al Castello Sforzesco la mostra dedicata al talento e alla passione di Giuseppe Bossi per Raffaello (aperta fino al 30 giugno). La retrospettiva su Carla Accardi sarà di nuovo visitabile nelle sale espositive del Museo del Novecento fino al 27 giugno mentre la mostra dedicata a Franco Guerzoni, allestita nello spazio degli Archivi al quarto piano del museo, sarà aperta al pubblico fino al 22 agosto.

La mostra “Sotto il cielo di Nut. Egitto divino”, allestita al Museo Archeologico, anch’essa chiusa (per il suo secondo lockdown) dal 1° marzo, riapre il 7 maggio con una veste parzialmente rinnovata: al posto delle opere concesse in prestito da altri musei, il percorso vede esposte nuove opere delle Collezioni Civiche, in parte restaurate durante il periodo di chiusura causa Covid. La mostra verrà prorogata fino al 30 gennaio 2022.

Al MUDEC, infine, riprende il racconto su “Qhapaq Ñan. La grande strada inca”, allestita nella Sala Khaled Assad fino al 20 giugno.

 

Le nuove mostre

Il 27 aprile hanno riaperto anche alcune mostre già annunciate e/o anticipate sul web, ma mai visitate in presenza.

Si svelano al pubblico “Le Signore dell’Arte”, donne artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600 e raccontate in una grande esposizione che Palazzo Reale ha dovuto chiudere al pubblico il giorno stesso della prevista inaugurazione, lo scorso 2 marzo. La mostra resterà aperta fino al 25 luglio.

Allestita il mese scorso, durante il lockdown, si può visitare “Green Grand Tour”, la mostra di Federica Galli nelle sale di Palazzo Morando|Costume Moda Immagine sino al 27 giugno.

All’Acquario spazio alla mostra di Barbara Pietrasanta dal titolo “Naufraghi e naufragi”, anch’essa chiusa appena prima della sua inaugurazione programmata per il 5 marzo scorso. Al Museo Messina una nuova mostra, dal titolo “Decade”, abiterà gli spazi dello Studio fino al 2 giugno.

 

Le mostre in programma

Situazione pandemica permettendo, diversi progetti espositivi si dovrebbero concretizzare gradualmente per proporsi al pubblico durante la stagione estiva.

Da maggio possono essere visitate le due mostre allestite da tempo negli spazi espositivi del MUDEC|Museo delle Culture: la fotografica dedicata a “Tina Modotti. Donne, Messico e Libertà” (chiuderà il 7 novembre) e il progetto “Robot. The Human Project” (fino al 1° agosto).

A Cesare Peverelli (1922-2000), figura importante dell’ambiente artistico milanese del secondo Dopoguerra, la Casa Museo Boschi Di Stefano dedica una mostra monografica all’interno della serie “Visti da Vicino” (dal 18 maggio al 4 luglio).

Il contemporaneo sarà, invece, protagonista alla GAM|Galleria d’Arte Moderna con la nuova mostra realizzata in collaborazione con Fondazione Furla che aprirà al pubblico il prossimo 26 maggio: “Misfits” è il titolo della personale di Nairy Baghramian, la prima in Italia, che occuperà gli spazi interni ed esterni della Villa Reale fino al 26 settembre.

Il 20 luglio si potrà inaugurare la grande esposizione sulla scultura del Rinascimento “Il corpo e l’anima. Da Donatello a Michelangelo”, coproduzione Castello Sforzesco-Le Louvre curata dallo staff scientifico dei due grandi musei che ha già prodotto la versione parigina della mostra, inaugurata al Louvre il 10 ottobre scorso e purtroppo, nonostante il grande successo critico del progetto, rimasta aperta al pubblico solo 10 giorni a causa della chiusura forzata dei luoghi di cultura in Francia.

L’11 giugno aprirà, sempre al Castello, nell’affascinante Sala del Tesoro, una mostra omaggio dedicata al grande poeta milanese Carlo Porta: “El sur Carlo milanes”, questo il titolo dell’esposizione, rientra nelle iniziative del Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della morte di Porta (1821-2021), e sarà visitabile fino al 25 luglio. Aprirà invece il 30 giugno presso lo Spazio delle Culture “Khaled al-Asaad” al MUDEC (fino al 1° agosto) la mostra fotografica “Io sono/I am”, dedicata al tema della migrazione.

Una grande retrospettiva di Mario Sironi sarà infine allestita al Museo del Novecento a partire dal 23 luglio, e fino al 31 marzo 2022.

Info e orari dettagliati sui siti dei musei e delle sedi espositive.

30/04/21
Categoria: Area media

Tipologia: Scenario nazionale

 
Richieste e segnalazioni