• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

OLIMPIADI MILANO - CORTINA 2026

I Giochi Olimpici Invernali e Torino 2006

Record di 80 nazioni partecipanti, 2508 atleti e 84 eventi sportivi. La cerimonia di apertura fu il programma televisivo più visto al mondo nel 2006 vincendo anche due Emmy Awards

Dopo 50 anni esatti dai Giochi Olimpici di Cortina ’56 le Olimpiadi invernali hanno fatto ritorno sulle montagne italiane, approdando nel 2006 nella città di Torino. Il 19 giugno 1999, durante la 109esima sessione del CIO (Comitato Olimpico Internazionale) svoltasi a Seul, venne assegnata al capoluogo piemontese l’organizzazione dei XX Giochi Olimpici invernali. Le città che oltre a Torino si presentarono per la candidatura furono la finlandese Helsinki, la svizzera Sion, la slovacca Poprad-Tatry, la polacca Zakopane e l’austriaca Klagenfurt. Al termine di un testa a testa tra Sion e Torino (scelte per sfidarsi al ballottaggio dal collegio selezionatore) la città italiana vinse contro la svizzera per 53 voti a 36.

La cerimonia di apertura di Torino 2006 si tenne nello Stadio Olimpico di Torino (l’ex stadio comunale Vittorio Pozzolo) il 10 febbraio 2006, dando il via ufficiale alla manifestazione sportiva, conclusasi il 26 febbraio. Fu il programma televisivo più visto al mondo nel 2006, con 1,8 miliardi di telespettatori, vincendo due Emmy Award lo stesso anno. Lo spettacolo, prodotto dal Gruppo FilmMaster e con Marco Balich direttore artistico, ottenne l'ambito premio come Outstanding Variety, Music or Comedy Special – battendo, tra gli altri, anche la Notte degli Oscar – e il premio nella categoria Outstanding Technical Direction, Camerawork, Video. Il giuramento olimpico fu pronunciato dallo sciatore alpino Giorgio Rocca, mentre l’ultimo tedoforo che ha accompagnato la fiamma olimpica fino al braciere – alto 57 metri e disegnato da Pininfarina – fu la fondista Stefania Belmondo, vincitrice di 10 medaglie olimpiche. Tra gli ospiti di eccezione della serata ricordiamo l’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi che, con la tradizionale formula di rito, diede il via ufficiale alla manifestazione e il maestro Luciano Pavarotti alla sua ultima esibizione in pubblico.

Torino 2006 ha registrato un record di 80 nazioni partecipanti, tra cui Paesi come Albania, Etiopia e Madagascar al debutto in un’Olimpiade invernale. 2508 gli atleti iscritti alle competizioni (184 erano italiani) e 84 gli eventi sportivi in 15 discipline differenti.  Nel medagliere finale della manifestazione la Germania si classificò al primo posto con 29 medaglie, seguita da Stati Uniti (25) e Austria (23). L’Italia si collocò al nono posto con 11 medaglie vinte dagli atleti:

  • Armin Zoeggeler – oro nello Slittino;
  • Enrico Fabris - oro e bronzo nel Pattinaggio;
  • Fulvio Valbusa, Giorgio Di Centa, Pietro Piller Cottrer, Cristian Zorzi – oro nello Sci Nordico
  • Giorgio Di Centa – oro nello Sci Nordico
  • Matteo Anesi, Enrico Fabris, Ippolito Sanfratello, Stefano Donagrandi – oro nel Pattinaggio
  • Pietro Piller Cottrer – bronzo nello Sci Nordico
  • Arianna Follis, Gabriella Paruzzi, Antonella Confortola, Sabina Valbusa – bronzo nello Sci Nordico
  • Gerhard Plankensteiner, Oswald Haselrieder – bronzo nello Slittino
  • Gerda Weissensteiner, Jennifer Isacco – bronzo nel Bob
  • Marta Capurso, Mara Zini, Katia, Zini, Arianna Fontana, Cecilia Maffei – bronzo nello Short Track

Le Olimpiadi di Torino 2006 segnarono un ulteriore record: quello delle pagine Internet visitate. Nel corso delle due settimane di gare il sito istituzionale delle Olimpiadi registrò un volume di traffico pari a circa 700 milioni di contatti.

Dal 10 al 19 marzo 2006, sempre a Torino, si svolse la IX edizione dei Giochi Paralimpici invernali con 39 delegazioni partecipanti. Cinque gli sport di gara: biathlon, curling in carrozzina, hockey su slittino, sci alpino e sci di fondo. Con 8 medaglie (due ori, due argenti e quattro bronzi) l’Italia si posizionò, anche in questo caso, al nono posto del medagliere finale.

I Giochi Olimpici Invernali nacquero ufficialmente nel 1925 quando, a seguito della 24ª sessione del CIO tenutasi a Lisbona, venne deciso di designare retroattivamente la settimana internazionale degli sport invernali di Chamonix (1924) come la prima edizione dei Giochi Olimpici Invernali.

La prima edizione dei Giochi Paralimpici Invernali si è svolta invece nel 1976 a Örnsköldsvik, in Svezia

27/04/21
Categoria: Area media

Tipologia: Milano Provincia

 
Richieste e segnalazioni