• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

La Giunta provinciale di Bolzano ha approvato un primo gruppo di opere infrastrutturali che saranno finanziate con i fondi statali per le Olimpiadi invernali del 2026. Il primo intervento sarà il potenziamento dell'accesso all'Autostrada del Brennero A22 dalla Val Pusteria al casello di Varna. Con circa 15 milioni di euro sarà finanziata anche la sistemazione dell'incrocio tra le strade provinciali 43 e 44, all'entrata di Anterselva, dove si terranno alcune gare dei Giochi invernali. Nel pacchetto di opere deliberate ci sono anche il collegamento tra la stazione ferroviaria di Dobbiaco, la statale 51 di Alemagna e la statale 49 della Val Pusteria (13 milioni di euro), il potenziamento e l'ampliamento del tratto della strada della Val Pusteria tra Chienes e la Val Badia dove saranno realizzate delle corsie di sorpasso (10 milioni) e la demolizione e la ricostruzione del ponte sulla strada provinciale ad Anterselva. "Usiamo i soldi che lo stato mette a disposizione per prepararci alle Olimpiadi, ma anche per avere un valore aggiunto per la nostra viabilità futura", ha affermato Arno Kompatscher, il presidente della Provincia.

Per quanto riguarda il Veneto, nell’incontro tra Regione Veneto, Anas ed enti locali dell’11 febbraio, è stato definito il tracciato della variante di Longarone, l'opera viaria da 270 mln che renderà più fluido l'accesso all'area dei Giochi Olimpici di Cortina 2026. La nuova variante sarà lunga circa 11 chilometri, con una larghezza stradale di 10,50 metri e con una corsia per ogni senso di marcia. Partirà da Rio dei Frari e arriverà all'abitato di Castellavazzo, che verrà attraversato da una galleria per innestarsi, infine, nel tunnel esistente. "Quello che realizzeremo in termini di infrastrutture – afferma il presidente del Veneto Luca Zaia - sarà una vera e propria rivoluzione, sia in prospettiva olimpica sia di rilancio della Conca. Il progetto sportivo è il pretesto per dare il via a qualcosa di eccezionale e di prioritario per l'intero territorio bellunese". Rimangono alcuni dettagli che i progettisti approfondiranno in un prossimo incontro tra circa un mese. Lo stadio definitivo del progetto sarà completato entro l'estate, per avviare poi le procedure autorizzative.

16/02/21
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia

 
Richieste e segnalazioni