• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Il 30 gennaio è stata presentata in Consiglio dei Ministri la bozza per il decreto legge olimpica che, come spiegato dal ministro delle Politiche giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora, sarà varata nel prossimo Consiglio dei Ministri dopo aver messo a punto le ultime sfumature di tipo tecnico al testo.  “Rilievi del Ministero dell’Economia e delle Finanze su norme soprattutto tributarie che in queste ore stiamo risolvendo” – ha chiarito Spadafora.

Un ultimo esame tecnico visto che “su cifre, coperture e garanzie non c’è nessun dubbio, sono soltanto limature” – ha aggiunto il ministro al termine dell’incontro al Pirellone con i presidenti di Regione Lombardia e Veneto Attilio Fontana e Luca Zaia, i sindaci di Milano e Cortina Giuseppe Sala e Gianpietro Ghedina, del presidente del Coni Giovanni Malagò, del presidente del Comitato Paralimpico Luca Pancalli oltre all’amministratore delegato della Fondazione Milano-Cortina Vincenzo Novari.

La bozza prevede che vengano istituiti un Consiglio olimpico di supervisione e, soprattutto, una nuova società in house denominata Infrastrutture Milano Cortina 2026, sottoposta alla vigilanza del Ministero dei Trasporti, e partecipata dei Ministeri dell’Economia e delle Infrastrutture, che si occupi interamente degli appalti e della realizzazione dei lavori.

La bozza portata in CdM consta di 23 articoli, fra i quali particolarmente importante è la tutela della proprietà olimpica: simbolo, bandiera, motto, inno, fiamme e loghi sono ad uso esclusivo del Cio, della Fondazione Milano-Cortina 2026 e del CONI.

Un altro punto nodale della bozza è quello che fa riferimento all’Istituto per il credito sportivo, da destinare alla costituzione di un fondo di finanziamento per l’abbattimento delle barriere architettoniche e al potenziamento della sostenibilità ambientale degli impianti sportivi.

La bozza di legge include, infine, la cosiddetta garanzia dello Stato di 135 milioni di euro stanziata fra il 2022 e il 2026 a favore del Cio che, si farà carico dei ¾ delle spese stimate per la gestione dell’intera Olimpiade (1,3 miliardi di euro).

05/02/20
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia