• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

Svolta nel mondo del pattinaggio sul ghiaccio. Dopo la vicenda che ha scosso le Olimpiadi invernali di Pechino che ha visto l’atleta russa quindicenne Kamila Valieva positiva alla trimetazidina, la Federazione internazionale di pattinaggio ha deciso di alzare l’età minima degli atleti che potranno partecipare alle competizioni senior. La riforma, approvata dai delegati di 100 paesi al Congresso di Phuket, in Thailandia, sarà attuata in due fasi: l'età minima aumenterà prima a 16 anni durante la stagione 2023-2024, poi a 17 dal 2024-2025. Il provvedimento verrà esteso a breve anche al pattinaggio di velocità e allo short track. I giochi invernali di Milano Cortina 2026 saranno i primi con la soglia dei 17 anni.

Per il presidente della International Skating Union Jan Dijkema si è trattato di una “decisione epocale” ed è stata presa con lo scopo di “proteggere la salute fisica e mentale e il benessere emozionale dei pattinatori”.

La Federazione ha sottolineato che l'innalzamento del limite di età era all'ordine del giorno già da molto prima che emergesse il caso Valieva e ha riconosciuto che era suo dovere salvaguardare la salute delle giovani sportive. Non è la prima volta che un provvedimento per aumentare l'età dei pattinatori viene sottoposto al voto. Nel 2018 era stata respinta una proposta equivalente, in particolare per l'opposizione della Russia, nazione di punta nella disciplina.

14/06/22
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia

 
Richieste e segnalazioni