• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

Comune di Milano: nuovi orari per le attività private e i servizi pubblici

Il Comune di Milano, a seguito dell’Ordinanza del Ministro della Salute che pone la Regione Lombardia in zona “arancione”, dà attuazione al “Patto Milano per la scuola”, con Ordinanza n. 38435 del 23 gennaio 2021.

Il Patto, sottoscritto con la Prefettura di Milano e le Parti Sociali milanesi lo scorso 29 dicembre, ha l'obiettivo di alleggerire il trasporto pubblico, agevolare gli spostamenti ed evitare gli assembramenti (Lavoronews n. 1/2021). 

L’Ordinanza ha efficacia dal 24 gennaio 2021, dal lunedì al venerdì, e fino alla data di scadenza dell’emergenza sanitaria in corso. 

L'Ordinanza prevede:

  • che le attività commerciali al dettaglio in sede fissa indicate nell’allegato A) dell'Ordinanza, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricomprese nei mercati coperti, centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali e altre strutture ad essi assimilabili, sono vietate nella fascia oraria dalle 06.00 alle 10.15.

    Sono escluse dall’ambito di applicazione della presente ordinanza le edicole e i tabacchi, le farmacie e le parafarmacie.

    Per le attività commerciali miste è consentita l’apertura anche prima delle ore 10.15, purché la vendita dei prodotti sia limitata alle categorie merceologiche consentite dalla normativa di riferimento e non ricomprese tra quelle indicate nel citato Allegato A);

  • che le attività afferenti ai servizi per la persona, indicate nell’Allegato B) (rappresentazioni artistiche, attività di supporto alle rappresentazioni artistiche, creazioni artistiche e letterarie, gestione di strutture artistiche, servizi dei parrucchieri e di altri trattamenti estetici, servizi dei centri per il benessere fisico, attività di tatuaggio, toelettatura per animali da compagnia) come parte integrante dell'Ordinanza, sono vietate nella fascia oraria dalle 06.00 alle 09.30;

  • che l’apertura degli uffici al pubblico sul territorio comunale da parte di Pubbliche Amministrazioni è consentita a partire dalle ore 9:30, possibilmente previo appuntamento, salvi gli appuntamenti già fissati.

L'Ordinanza, inoltre, raccomanda:

  • ad enti ed aziende private, operanti sul territorio nell’ambito dei servizi bancari, finanziari e assicurativi che eroghino servizi al pubblico, di organizzarne l’apertura a partire dalle ore 9:30 previo appuntamento, fatti salvi gli appuntamenti già fissati;

  • ad enti ed aziende private, operanti sul territorio, che eroghino altri servizi al pubblico di organizzarne l’apertura a partire dalle ore 9:30 previo appuntamento, nonché di anticipare entro le ore 8:00 l’orario di inizio delle attività produttive di tipo manifatturiero;

  • ai datori di lavoro pubblici e privati, di favorire lo smart working in una percentuale pari almeno al 60% con particolare riferimento ad uffici direzionali ed amministrativi, ai servizi di consulenza, servizi ICT&Media, agenzie di viaggio;

  • a professionisti e consulenti di organizzare le proprie attività assicurando una percentuale di smart working pari almeno al 50% e la ricezione dei clienti dopo le ore 10:00 previo appuntamento;

  • ai datori di lavoro pubblici e privati di scaglionare gli ingressi nelle sedi di lavoro in modo tale da favorirne l’accesso a partire dalle 9:30 ad almeno il 10% del personale presente in servizio.

Apri link


 
Richieste e segnalazioni