• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

Economia circolare: approvati da Regione Lombardia i criteri per il bando 2021

Attuazione di Unioncamere Lombardia. Risorse complessive per 3.621.000 euro. Contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese sostenute per un investimento minimo di 40 mila euro.

 

La Giunta di Regione Lombardia (su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico Guido Guidesi e di concerto con l'assessore ad Ambiente e clima Raffaele Cattaneo) ha approvato i criteri del “Bando di sostegno alle MPMI per l'innovazione delle filiere di Economia Circolare in Lombardia - Edizione 2021' che verrà attuato da Unioncamere Lombardia”. Il bando, che sarà pubblicato entro questo mese di aprile, metterà a disposizione 3.621.000 euro

I progetti che si potranno presentare dovranno riguardare: innovazione di prodotto e processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse, utilizzo di sottoprodotti nei cicli produttivi, riduzione produzione rifiuti e riutilizzo di beni e materiali; innovazioni di processo o di prodotto per quanto riguarda la produzione e l'utilizzo di prodotti da recupero di rifiuti; attività di preparazione per riutilizzo,  progettazione e sperimentazione di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento della filiera. Saranno ammessi anche: progetti di sperimentazione e applicazione di strumenti per l'incremento della durata di vita dei prodotti ed il miglioramento del loro riutilizzo e della loro riciclabilità (Eco-design); implementazione di strumenti e metodologie per l'uso razionale delle risorse naturali e riconversione della produzione finalizzata alla realizzazione di nuovi materiali, prototipi, sviluppo di dispositivi e/o componenti anche in ambito medicale o per la sicurezza sul lavoro. I progetti dovranno essere realizzati entro 12 mesi dall'approvazione della graduatoria. Il termine di rendicontazione scadrà nel 2022.

Possono partecipare al bando regionale sull’economia circolare le micro piccole e medie imprese con sede operativa in Lombardia, in forma singola o in aggregazione, composta da almeno 3 imprese rappresentanti la filiera produttiva.

E’ previsto un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese sostenute, per un investimento minimo di 40.000 euro e un contributo massimo di 120.000 euro.

 La nota di Lombardia Notizie

 

08/04/21
Categoria: Area media

Tipologia: Regione Lombardia

 
Richieste e segnalazioni