• Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn
  • YouTube
  • Twitter

Rivendita di giornali e riviste: contributi fino a 3 mila euro. Domande on line fino all’8 marzo.

Fino a venerdì 8 marzo  è possibile presentare la domanda per il contributo alle imprese esercenti punti vendita esclusivi per la rivendita di giornali e riviste, previsto all’art. 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 10 agosto 2023 .

Il contributo è riconosciuto alle imprese esercenti punti vendita esclusivi di giornali e riviste con le seguenti caratteristiche:

  • con indicazione nel registro delle imprese del codice di classificazione ATECO 47.62.10 quale codice di attività primario;
  • non sottoposte a procedure di liquidazione volontaria, coatta amministrativa o giudiziale

Il bonus è riconosciuto a fronte della realizzazione di almeno una delle seguenti attività effettuate nel periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2023:

  1.  realizzazione di progetti di consegna a domicilio di giornali quotidiani e periodici;
  2.  apertura domenicale pari almeno al 50 per cento delle domeniche su base annua;
  3.  fornitura di pubblicazioni agli esercizi commerciali limitrofi;

Il contributo, che concorre alla formazione del reddito e pertanto è erogato al netto della ritenuta fiscale,  è forfettario e viene riconosciuto all’impresa indipendentemente dal numero di punti vendita. Nel caso di presenza di più punti vendita, ne va indicato uno solo; nel caso in cui tale punto vendita sia localizzato all’interno di un comune rientrante nelle indicate (Mappa Aree Interne 2020), l’importo è di 3000 euro anziché 2.000

Nel caso in cui il totale dei contributi richiesti risulti superiore alle risorse disponibili, si procede al riparto proporzionale tra tutti i soggetti aventi diritto.

Le domande possono essere presentate fino alle ore 17 dell’8 marzo, dal titolare o legale rappresentante dell'impresa esclusivamente per via telematica, attraverso un’apposita procedura disponibile nell'area riservata del portale impresainungiorno.gov.it, accessibile cliccando sul link "Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l'informazione e l'editoria" -> "Bonus una tantum edicole 2023" del menù "Servizi on line", previa autenticazione tramite il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), Carta Nazionale dei Servizi (CNS), Carta d’Identità Elettronica (CIE).

La domanda deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa richiedente, esclusivamente con firma CAdES. In caso di errore, sarà possibile, per tutta la durata di apertura dello sportello, presentare una nuova domanda che annulla la precedente.

Disposizioni applicative nell’art. 1 del decreto del Capo Dipartimento per l’informazione e l’editoria del 28 novembre 2023

12/02/24
Categoria: Area media

Tipologia: Scenario nazionale

 
Richieste e segnalazioni