• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • LinkedIn

Assegnati 170mila euro per il rilancio del commercio

Oltre 40 attività hanno partecipato ai bandi per rinnovare i negozi, di cui 28 con tutti i requisiti in regola. Tra i vincitori il dehor realizzato al bar Oldì in via Madonna e l’angolo donuts nel centro estetico Nails Maison: “Dal Comune un aiuto in un momento difficile”

In questi mesi i commercianti di Rho hanno realizzato investimenti in dehor, ristrutturazioni, attrezzature e macchinari, ma anche siti internet e software , finanziati dai due bandi promossi da Comune di Rho, ConfCommercio e Camera di Commercio per rilanciare il settore, messo a dura prova dal lockdown.

Aperti dal 1 settembre al 10 novembre 2020, i due bandi mettevano a disposizione 250mila euro a fondo perduto per le attività produttive: il primo (200mila euro in totale), rivolto alle attività con sede all’interno del DUC, il Distretto Urbano del Commercio di Rho, un’area che comprende centro storico e frazioni per un totale di 749 spazi commerciali; il secondo, rivolto alle attività esterne al perimetro del DUC (50mila euro di importo totale). I fondi sono stanziati da Regione Lombardia (100mila euro per attività del DUC) e dal Comune di Rho, che stanzia in tutto 150mila euro, attingendoli dal Fondo Comunità Rilancio, stanziato nel Bilancio Preventivo di giugno 2020 proprio per finanziare investimenti legati alla ripartenza.

Le attività che hanno presentato domanda sono state 30 per il bando interno al DUC e 13 per quello esterno: ogni richiesta è stata esaminata da una Commissione dedicata, che si è riunita periodicamente per valutare il rispetto dei requisiti e richiedere, eventualmente, documenti aggiuntivi. I fondi assegnati sono in tutto 170mila euro: poco più di 140mila euro per 22 aziende interne al DUC e 30mila euro per 6 esterne. I fondi non assegnati saranno rimessi in gioco per azioni dirette ai commercianti dopo l’approvazione del Bilancio Preventivo 2021.

Ogni attività poteva ricevere fino a un massimo di 20mila euro se interna al perimetro del DUC e fino a 4mila se esterna per opere effettuate o dotazioni acquistate tra il 5 maggio 2020 e il 6 novembre 2020: Le spese finanziate comprendevano ristrutturazione o ammodernamenti, nuovi arredi, veicoli per la consegna a domicilio, app o software, ma anche spese per la protezione di lavoratori e clienti, sanificazione di locali, eventi, promozione o comunicazione.

“La nostra iniziativa presentava requisiti ben precisi per incentivare il rilancio delle attività, ristrutturando il negozio o innovando, anche utilizzando e-commerce, siti internet e consegne a domicilio – dice il vice sindaco e assessore al Commercio, Andrea Orlandi -. Il bando prevedeva il finanziamento fino al 50% della spesa: investire in un momento come questo, non è facile per questo siamo soddisfatti delle risposte ricevute, che testimoniano la volontà di andare avanti e di rilanciare l’attività. I negozi sono fondamentali per la città ed è essenziale sostenerli”.

“Sono soddisfatta del fatto che molti commercianti abbiano colto l’opportunità dei bandi, investendo nel rilancio in un momento difficile. Si è instaurata un’ottima collaborazione con gli uffici comunali, in particolare il Suap (Sportello Unico Attività Produttive), che ha permesso di lavorare al meglio. La gran parte dei commercianti ha già ricevuto i fondi, mentre altre pratiche sono in liquidazione. Presto definiremo le nuove iniziative con i fondi rimanenti per sostenere il commercio” dice Patrizia Giudici, presidente della delegazione Confcommercio di Rho.

Tra le domande ricevute, la più originale è la creazione di un soft bar, con donut, bagel e cupcake, all’interno di un centro estetico e parrucchiere, per un concetto di benessere a 360°, come racconta la titolare di Nails Maison in via Dante, Chiara Robecchi“Ho deciso di trasformare la mia Maison, nata cinque anni fa, nel primo centro estetico parrucchiere e soft bar, dove si possono assaggiare donut, cupcake e bagel, tutto mentre si sorseggia un caffè con lo zucchero filato e mani esperte si prendono cura di te. Grazie al bando promosso dal Comune, sono riuscita a finanziare metà delle spese: un aiuto importante in un anno difficile, in cui ho voluto scommettere sul futuro. Spero che ai rhodensi piaccia questo progetto, che esiste già nel resto del mondo ma non in Italia”.

Il contributo ha permesso anche di rendere più belli alcuni angoli della città grazie ai dehors, spazi all’aperto dove sono stati posizionati sedie e tavolini. Tra questi c’è quello del bar Oldì di Manuel Vatalaro, all’incrocio tra via dei Martiri e via Madonna: “Ho realizzato un dehor davanti al locale per garantire ai clienti il distanziamento sociale imposto dalle norme anti Covid. Nonostante il periodo difficile, abbiamo optato per una struttura di qualità e piacevole dal punto di vista estetico, così da rendere più bello il centro città e anche più piacevoli le consumazioni ai nostri clienti. Il contributo che abbiamo ricevuto dal Comune è stato senz’altro d’aiuto”.

Gli esiti del concorso sono pubblicati sul sito del Comune, nella sezione DUC https://bit.ly/3mlXqTg

  

14/01/21
Categoria: Associazioni

Tipologia: Dalle associazioni