• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

La disciplina normativa sulle modalità di trattamento dei dati personali a tutela della privacy e la disciplina sulla circolazione dei veicoli prevista dal Codice della strada operano su due piani differenti.

Ne consegue che la violazione, nel corso dell’emissione di un verbale d’accertamento d’infrazione al Codice della Strada, degli obblighi di informativa, rileva ai fini dello specifico e connesso apparato sanzionatorio previsto dalla normativa sulla privacy, ma non incide sulla regolarità del verbale stesso. 

In tale senso si è pronunciata la Corte di Cassazione con ordinanza 26990/2018.

 


 

 


 

 

 

 

 

26/10/18
Categoria: Supporto fiscale e legale

Tipologia: Scenario nazionale