• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Società tra avvocati: intervento delle Sezioni Unite della Cassazione

La Corte di Cassazione si è espressa con la sentenza n. 19282/2018 delle Sezioni Unite sull’esercizio in forma associata della professione forense a seguito delle recenti modifiche normative.

In particolare, la Suprema Corte ha precisato che, dal 1° gennaio 2018 l'esercizio in forma associata della professione forense è regolato dall’art. 4 bis della Legge n. 247/2012 (introdotto dalla “Legge Concorrenza” n. 124/2017), che - sostituendo la previgente disciplina contenuta negli artt. 16 e ss. del D.Lgs. n. 96/2001 - consente la costituzione di società di persone, di capitali o cooperative i cui soci siano, per almeno due terzi del capitale sociale e dei diritti di voto, avvocati iscritti all'albo, ovvero avvocati iscritti all'albo e professionisti iscritti in albi di altre professioni, società il cui organo di gestione deve essere costituito solo da soci e, nella sua maggioranza, da soci avvocati.

Il testo della sentenza è disponibile presso la Direzione Servizi Legali.

 

08/08/18
Categoria: Area media

Tipologia: Scenario nazionale

 
Richieste e segnalazioni