• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Il Padiglione del Vino a Expo Milano 2015 verrà organizzato e gestito da Vinitaly. 

Lo ha annunciato il 6 aprile il ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina, presente alla giornata inaugurale della 48esima edizione di Vinitaly, nel corso della conferenza stampa “Il Vino italiano per Expo Milano 2015”. 

L’incarico è stato assegnato sulla base della convenzione siglata tra Padiglione Italia e Veronafiere, a meno di un mese dalla firma del protocollo tra il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, il Padiglione Italia e Expo 2015 spa. 

Il Padiglione del Vino si svilupperà su una superficie di circa 2mila metri quadrati e sorgerà nelle aree di pertinenza del Padiglione Italia, esattamente all’incrocio tra il Cardo Nord-Est e il Decumano, ossia nella piazza centrale dell’intero sito espositivo, dove godrà della massima visibilità. 

Per la realizzazione e la gestione dello spazio, Vinitaly lavorerà in concerto con Ministero delle politiche agricole alimentari forestali, Padiglione Italia e Expo 2015 spa per il coinvolgimento di tutta la filiera vitivinicola italiana: dalle associazioni ai grandi gruppi di produttori, dai comitati alla distribuzione, fino ai soggetti che ne divulgano la cultura. 

Il Padiglione del Vino italiano racconterà la storia e la tradizione culturale del comparto, riserverà un’area dedicata al “primo approccio” al mondo del nostro vino per i milioni di visitatori che non lo conoscono, destinerà spazi dedicati a winetasting e masterclass, e guiderà agli abbinamenti “wine&food” nell’area specifica con il coinvolgimento di produttori e testimonial. 

Ci sarà anche un focus importante sul turismo del vino, sulla cultura del territorio e sulle bellezze italiane legate all’enogastronomia. 

Inoltre, il Padiglione dedicato al vino italiano avrà una forte connotazione tecnologica: percorsi virtuali e interattivi alla scoperta di attrezzature, macchine e prodotti per la produzione, l’imbottigliamento e il confezionamento di vino. 

I visitatori potranno, infine, accedere all’“Enoteca dei vini italiani”, con relativo “wine shop” per la vendita diretta del prodotto confezionato, con consegna a domicilio, merchandising e gadget del vino e di Expo 2015. 

Il progetto verrà elaborato da un Comitato Scientifico, di prossima costituzione. Al fianco del commissario generale di Sezione per il Padiglione Italia Diana Bracco e presieduto dal presidente di Assoenologi Riccardo Cotarella, faranno parte del Comitato anche: il presidente dell’Istituto del vino italiano di qualità - Grandi Marchi Piero Antinori; il direttore generale di Veronafiere Giovanni Mantovani; il presidente del Gruppo Cevico Ruenza Santandrea; il presidente di Federvini Lamberto Vallarino Gancia; il presidente Unione Italiana Vini Domenico Zonin; il Presidente del Comitato Grandi CRU che sarà nominato dall’Assemblea. Del Comitato farà parte anche Raffaele Borriello, vice capo di Gabinetto del Ministero delegato a Expo Milano 2015, in qualità di coordinatore. 

 

 

 

07/04/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale