• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Presentata il 10 febbraio 2016 nella filiale Banca Intesa SanPaolo in piazza Cordusio “Destination Italia”, la piattaforma B2B e B2C ad alto tasso tecnologico, nata dalla partnership tra il Gruppo bancario e lastminute.com.

Nella piattaforma, saranno integrate le offerte degli hotel, pacchetti turistici, attività culturali ed esperienziali (es. musei, eventi, escursioni, corsi di artigianato e di cucina, attività ludiche e sportive), servizi di biglietteria, trasporti privati e locali, insieme a servizi d’informazione, attrazione e intrattenimento.

La road map del progetto prevede l’avvio delle attività di marketing e di vendita per metà 2016, con una rapidità di sviluppo dell’iniziativa consentita anche dall’utilizzo dell’infrastruttura tecnologica di last minute.com group.

La nuova società conterà su un investimento iniziale in equity di 6 milioni di euro e nella fase di avvio sarà controllata da lastminute.com, con una quota del 57%, partecipata da Intesa Sanpaolo al 38% e da Marco Ficarra con il 5%.

L’operazione, a tendere, prevede un’apertura del capitale a eventuali nuovi soci, ad esempio player industriali e del settore, italiani e stranieri, e partner di sistema capaci di contribuire, ciascuno con le proprie competenze, allo sviluppo del progetto ed al compimento della missione di business.

Durante l’incontro sono stati forniti alcuni dati Istat sulla situazione e prospettive per il turismo incoming in Italia. Dagli anni novanta ad oggi il turismo è cresciuto progressivamente da 30 a 45 milioni di presenze di viaggiatori non residenti.

Il trend di crescita è salito anche per la spesa turistica dei turisti soprattutto provenienti da Cina, Stati Uniti e Germania (+4,7% a livello Italia, per un ammontare pari a 32,1 miliardi di euro), considerando i  primi 10 mesi del 2015 anche per effetto di Expo Milano 2015.

L’analisi presentata da Fabrizio Guelpa – Direzione Studi e Ricerche di Banca Intesa, ha illustrato come in alcune regioni italiane come l’Emilia Romagna e le Marche, ci siano notevoli margini di miglioramento, attraverso interventi di supporto alle attività ricettive del turismo internazionale. Domanda che è attesa crescere del 3,3% all’anno fino al 2030, secondo i dati forniti dalla United Nations Wolrd Tourism Organization.

10/02/16
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Regione Lombardia