• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Tre vetrine con affaccio sul braccio principale della Galleria Vittorio Emanuele II e sei livelli di sviluppo in verticale per un totale di quasi mille metri quadrati. Sono questi gli spazi di pregio che il Comune di Milano assegna alla Massimo Dutti Srl nell’ambito del bando che aveva messo all’asta nel 2015 gli spazi attualmente occupati dal Bar Sì e dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Massimo Dutti si avvia a sottoscrivere il contratto di affitto con un’offerta di 3,1 milioni di euro all'anno. E a realizzare un progetto adeguato al prestigio del Salotto, con materiali pregiati e attenzione ai consumi energetici. Oltre agli spazi dedicati alla vendita, verrà realizzata anche la ‘Sala della storia del Tessuto’ che ospiterà un’esposizione permanente fotografica e di abiti, tessuti e collezione di capi storici sull’evoluzione della produzione e dell’impiego dei tessuti nella storia. Un’area sarà anche dedicata alla storia del tessuto nel cinema internazionale.

La Galleria (59mila metri quadrati, 149 vetrine distribuite su 5 corpi di fabbrica per 8 piani) ospita un mix commerciale che vede alternarsi marchi italiani e internazionali, spazi per la ristorazione e librerie; queste ultime vengono tutelate dall’Amministrazione grazie alla riduzione dei canoni di concessione

 

04/10/16
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Regione Lombardia