• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

La crisi ha un forte impatto sulla propensione al viaggio degli italiani, quasi un italiano su due si dice pessimista sulla situazione economica, cosi come l’epidemia di Ebola, tanto che due italiani su cinque prevedono di viaggiare meno in aereo per la paura di contrarre il virus.Le città d’arte sono in cima ai desideri degli italiani nel trimestre novembre 2014-gennaio 2015 e oltre un italiano su due - di quelli che faranno una vacanza nel prossimo trimestre -  vuole andare a visitare le bellezze delle città.

Le destinazioni preferite in Italia sono la Toscana e le mete montane-sciistiche del Trentino e Alto Adige, della Lombardia e del Piemonte. La Spagna è prima a livello Europeo, mentre Stati Uniti, Australia e Caraibi sono le più segnalate a livello extra-europeo.

Tre italiani su quattro preferiscono trascorrere nei prossimi mesi le loro vacanze in Italia.

Oltre un italiano su due andrà a visitare monumenti, mostre e musei e nel 54 per cento dei casi farà la vacanza in coppia.

La montagna è invece preferita da quasi un italiano su tre.

La lunghezza media della vacanza invece  scende a 3,7 notti.

 L’indice di fiducia del viaggiatore italiano, elaborato da Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l’Istituto Piepoli, mostra come diminuisca ancora e per il secondo mese consecutivo la propensione degli italiani al viaggio - l’indice passa da 56 a 55 su 100 in un mese.

 Questi, in sintesi, i principali risultati che emergono dall’indagine di Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l’Istituto Piepoli sull’indice di fiducia del viaggiatore italiano riferito al mese di ottobre.

19/11/14
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Scenario nazionale