• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Grazie ad un accordo tra il Comune di Milano e il Ministero dell’Economia prende ufficialmente il via il progetto di riqualificazione di Porto di Mare, un’importante area tra Rogoredo, Santa Giulia e Chiaravalle, che era di proprietà del Consorzio del Canale Milano-Cremona-Po.

La collaborazione tra Stato, che partecipa per il 60% al Consorzio, e Comune di Milano si è concretizzata nella creazione di una commissione comune per effettuare l’analisi del terreno, che sta svolgendo Metropolitana Milanese, e avviare le bonifiche e la riqualificazione. Parte dei fondi necessari per queste operazioni sarà detratta dalla quota che il Comune dovrebbe pagare allo Stato per l’acquisto dell’area.

La pianificazione urbanistica per Porto di Mare consentirà finalmente la completa fruibilità di questa grande area, attraverso tre ambiti di intervento: residenze e residenze sociali, terziario e commercio, in connessione con il Quartiere Mazzini, tenendo al centro la fermata della metropolitana M3 e i parchi Cassinis e Sud; il potenziamento e la ridefinizione funzionale e formale delle attrezzature sportive e ricreative; un nuovo polo artigianale e produttivo a Cascina Nosedo.  

 

Slide con la storia e i progetti futuri di Porto di Mare


08/04/16
Categoria: Impresa e Istituzioni

Tipologia: Milano Provincia